Bolzano tra storia e vino

Bolzano ha una storia profonda ed antica ed è strettamente collegata alla tradizione del vino. Le testimonianze dei primi vignaioli e, di conseguenza, le prime coltivazioni di uva risalgono a tempi davvero antichi. La tradizione vitivinicola è parte del territorio ed è ben visibile ad occhio nudo, in quanto, le viti a Bolzano risalgono i pendii a perdita d’occhio e fino ai 700 /900 metri. Le famiglie si tramandano da generazioni la passione per il territorio e soprattutto il rispetto della natura che tanto rende indietro se curata correttamente e preservata.

Il territorio è sicuramente predisposto ad ospitare varie qualità di viti che si adattano al terreno, difatti questa zona vinicola dell’Alto Adige è considerata una delle più importanti in Alto Adige. Nei terreni alluvionali che costeggiano il fiume troviamo un terreno perfetto per un vino corposo come il Lagrein che a Bolzano è uno dei prodotti più in voga. Nella zona collinare invece, dove le temperature si innalzano in modo significativo, può maturare in un habitat perfetto la Schiava, da cui prende origine il Santa Maddalena, che divide la corona al primo posto insieme al Lagrein.

I vini di qualità Lagrein e Schiava sono certamente portavoce del territorio ed hanno contribuito cospicuamente alla diffusione nel mondo del vino di Bolzano e dell’Alto Adige.

Vogliamo parlarvi di due cantine che sono per noi, ma non solo, un simbolo dell’Alto Adige: la Cantina di Bolzano e la Cantina Rottensteiner. Entrambe incarnano il principio del rispetto del territorio e della tradizione. Di seguito una breve, ma più che meritata, descrizione di due cantine differenti ma entrambe rappresentative di Bolzano.

Cantina di Bolzano

Come arrivare | Cantina Bolzano - Kellerei Bozen

La Cantina di Bolzano è sicuramente uno dei fiori all’occhiello dell’Alto Adige. Una cantina potente con vini premiati a livello internazionale e una passione per la natura che è stimata in tutta Italia e nel mondo. Formata da un insieme di famiglie con la passione per il vino e unite da un’immensa soddisfazione nel vedere i frutti della terra soddisfare anche i clienti più esigenti. La Cantina di Bolzano offre vino bianchi e rossi e questo perché i vitigni ricoprono diverse zone ed il clima permette loro di diversificare la produzione.

Un prodotto che vi consigliamo tra gli irrinunciabili della cantina di Bolzano è senza dubbio il Lagrein Merlot Mauritius 2018.

Lagrein Merlot Mauritius 2018

Questo vino ha un sapore intenso e persistente al palato. Un sapore deciso e strutturato che fa assaporare a chi lo degusta un tocco di frutti rossi e una nota di cacao speziata. Deciso e caratteristico del suo territorio vi consigliamo di sceglierlo con la carne ma si sposa bene anche con il resto data la sua estrema versatilità.

Cantina Rottensteiner

Questa cantina proforma di tradizione e ha le sue radici ben radicate nel sapore dei vecchi tempi. Questa famiglia ha trasmesso le proprie conoscenze di generazione in generazione. Specializzati nella produzione di vini rossi corposi e profumati gestiscono il tutto a livello familiare. Cinque masi differenti con una storia unica ognuno dei quali regala vini apprezzatissimi e di spicco per Bolzano e l’Alto Adige.

Un prodotto che non si può tralasciare parlando della strepitosa cantina Rottensteiner è sicuramente il vino Santa Maddalena Vigna Premstallerhof 2020 una novità che merita di essere approfondita.

Santa Maddalena Vigna Premstallerhof 2020

Il maso Premstaller è uno dei CRU di questa denominazione ed è situato tra i 450 e 550m sopra Bolzano. Le parcelle più basse di Schiava e Lagrein vengono vendemmiate a mano con grande accuratezza e vinificate separatamente. Un vino rosso rubino intenso e che lascia il segno in chi lo assapora. Un mix di ciliegia e viola delicato pieno di sapore e tannini morbidissimi. Un vino che appassiona e gratifica tutti i palati e non soltanto gli amanti della schiava. Ottimo con la carne, selvaggina ma in realtà si sposa bene anche con sapori più delicati.

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *