La Val Venosta è un’isola felice dal clima favorevole, che si trova nel bel mezzo di uno spettacolare paesaggio alpino. Quando parliamo di Val Venosta ci viene da pensare sicuramente alle mele, la cui coltivazione, almeno all’inizio, è stata per lungo tempo più redditizia della viticoltura. Nel 1995 la Val Venosta ottiene il riconoscimento della DOC e conosce una ripresa come regione vinicola. Accanto al Pinot Bianco e al Müller-Thurgau, anche il Pinot Nero sta diventando una vera specialità valvenostana. Il Fraueler, vitigno autoctono, gode di uno status speciale. Una volta diffuso anche nella zona di Merano, oggi viene coltivato esclusivamente nella Val Venosta.

Vitigni più diffusi: Riesling, Pinot bianco, Pinot nero, Schiava

Località da Visitare: Castelbello, Laces, Silandro

Prezzo
-
Ordinamento
Tipologia
Uvaggio
Zona Vinicola
Vitigno
Cantina
Formato
Shopping Basket
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuoto